Od(io)e a(de)lla Politica

I n un mondo di Falsi,

T utti segretamente vincitori,

A d oggi io vedo solo in Noi i perdenti.

L ì dove si ergeva la Res Publica

I ntonano lesti canti funesti i disonesti,

A llucinate,vecchie glorie echeggiano lontane

I n questo sadico spoglio responso,

L otto, e lotteremo nonostante tutto

A nche per chi ora cieca(inconscia)mente serve,

T roveremo Strade Dissestate lungo il cammino, ma

I n fondo, siamo abituati a navigar’ sul fondo.