Ragnatele

Cerchiamo nel prossimo

uno specchio per i nostri pensieri,

tessiamo stoffe e sinapsi

con cui filtrare emozioni,

una carezza, un litigio

uno schiaffo, o un sorriso

lasciali dimenare,

solo allora avvicinati

e assapora,

lentamente,

il divenire dell’Io.

 

 

P.22