Ricordo di un’estate in rosa e blu

Una bambina la figlia che non avremo mai

avrà gli occhi azzurri e due pistole in mano

con lo sguardo criminale sparerà in aria

ma esploderanno solo farfalle e gelsomini

 

Mi hai insegnato l’amore imprevedibile delle bestie

io quello inimmaginabile dei poeti

e abbiamo sputato in bocca al giorno

il dolce presentimento di non poter dirottare la fine

 

Buttandoci via come i  suicidi dai ponti

senza mai dirci addio

ci guardiamo ancora come due vecchi

che si sono amati tantissimo

 

Ma ora vorrei solo leccarti via

tutto questo sale rosa dalla tua pelle blu

U.02