Rosaria

Le tante strade
che segnano il tuo volto,
nonna,
percorrono un’epoca
dura e lontana
fatta di guerra e povertà,
di sacrifici
non sempre ricompensati.
Sotto le palpebre pesanti
i tuoi occhi, muti
sussurrano i timori dell’età.
Umiltà e testardaggine
sono la tua forza
e ora che il tuo corpo
si è fatto più piccolo
e sofferente
sembri tornare ragazzina,
fragile e orgogliosa.
Le tue mani
lisce, consumate
mi accarezzano compulsivamente
mentre mi tieni stretta
al tuo petto
qui sedute sul divano
e io torno bambina.