Sigfrido

Fredda, assolata
mattinata invernale
d’una movente
Firenze da smuovere,
che mente rischiara
al me pedalante,
sull’Arno
d’una pedagoga pedante,
portato a pensare
dal Wagner cavalcante:
Brunilde dove sei?
Non sono un passante!