sole spento

sotto un sole spento
si spezza il respiro
si piega il giunco
al vento nemico
mentre ferisce l’aria
una rondine mattutina
m’assale d’improvviso
prepotente
una vertigine
e
nella quieta nebbia
m’incanta
una sfumatura di rosso
nell’erba alta