Soliloquio

Arrivi ammutolito

di foglie cadute รจ il tuo passo

L’odore a tratti

dal Sole alla brace

alterni i momenti

Le castagne scoppietti

come le orme incerte

dei primi passi tra i banchi

di scolari assonnati ti riempi

Ottobre dal cielo assopito

dal vento che fresco non miete

Di rosso colora le gote

e di foglie mi segna il cammino

Ti adagi su lenti ritorni

di passaggi intrecci i tuoi rami

Non spogli ma aggrappati

i ricordi hai estivi

Benvenuto novello

di mosto lavori l’autunno