Un fiume mi ha portato da te

Un fiume d’acqua

dal cielo e dagli occhi

mi ha portato da te

Un fiume nero, artificiale

un fiume di paure

un fiume di domande

un fiume di fantasie

sulle tue prerogative

mi ha portato fino a te

E ci siamo guardati

riconosciuti

E dopo il fiume

lo sei diventata tu stessa

E io mi sono lasciato travolgere

inondare

sommergere

e ho scoperto

che anche sott’acqua

riesco benissimo a respirare

ma soprattutto

so respirare

te