Un giorno verrò là

Io verrò là un giorno poiché tu mi inviterai

Mi dirai finalmente – Cosa aspetti?

Vieni da me presto – e io, con i polsi tremanti

Correrò verso la stazione ad aspettare

Col cuore gonfio di speranza

Quel treno che mi porterà da te.

Aspetterò sul mio sedile, tranquillo, silenzioso

Farò un buon riposo

Per essere splendente quando tu verrai

A prendermi, e mi vedrai correrti in contro

Sorridendo mi dirai ‘Ah, eccoti’ – ti aspettavo

– Sì sì, eccomi! – rispondo – ti bramavo-

Il mio bagaglio sul sedile posteriore della tua vettura

Ti guardo mentre guidi, ho un po’ paura

Il tramonto scarlatto il mar Tirreno tinge

E la tua mano la mia stringe

Un giorno verrò là