Vacabbunnu

In vernacolo calabrese, romanesco e siciliano

Staju pensannu,
taliando ’ndda finestra,
che sta luna è popo bbella
pure se ‘un serva:

sta ner cielo zitta e bbona,
piccula piccula, nica nica,
quann u sule un fatiga
ndù nivuru janca ‘nnica.

Ogni vorta je do du baci,
gun quann ‘a vid, nat quann ’a lasso,
pe faje ricordà de me
comu iò m’arricuddo d’idda.

Ca c pass ‘a nott e u jurn:
‘chè solo ‘sta luna sà fermà
lu cori mio vagabbunnu.

E pure se ‘un serva
staju pensannu,
che sta luna è popo bbella.


Stavo pensando,
affacciato alla finestra,
che questa luna è proprio bella
anche se non serve:

Sta nel cielo silenziosa e calma,
piccola piccola, minuta minuta,
quando il sole non lavora
nel nero bianca annega.

Ogni volta le dò due baci,
uno quando la vedo, uno quando la lascio,
per farle ricordar di me
come io mi ricordo di lei.

Che ci passo la notte e il giorno:
perché solo questa luna sa fermare
il mio cuore vagabondo.

e pure se non serve
stavo pensando,
che questa luna è proprio bella.

, ,