Ora sei tu. O meglio, ora tu sei
i tuoi occhi. Chi li ha trovati,
incerto, li confonde coi nei, ma nei
suoi trova i tuoi, laghi dorati.