“A noi che siamo gente di pianura”

È il riecheggiare dei sassi
a ricordarci ciò che siamo;
semplici anime danzanti
tra il ciottolo e il cielo