Morirò come Li Bai

Alla luna.

Mi incanto a osservarti
dalla finestra:
sembri una principessa di Vuoto adorna
il volto a tratti
offuscato da un’ombra.
Bellissima, sì, ma
troppo triste.
Ti lacera il dubbio
per due pretendenti
e nel frattempo
immobile
d’indecisione splendi.

E te ne stai lì
fredda e confusa.
Eterna…
Ma non lo sai? L’eternità non esiste.
Non c’è che quest’attimo
che io non so cogliere.
Quest’attimo che io non vedo,
che io –

– Che io non trovo mai niente che mi assomigli.
Che ho sempre le mani
piene di sbagli
e gli occhi smarriti
in un mare di stelle.
Io che sono pallida,
pallida e sola
come la luna.