Sudati

Eccoti bellissima
fare stretching in un parco
alla periferia di Vigo
i nostri sguardi sudati respirano
per un istante;
io a nuotare nel mio umido disagio,
tu a rincorrere chissà quale sogno.

E con lo sguardo ti scruto,
mentre ti arrampichi via
su questa collina di cemento
bruciata dal sole cocente
con l’oceano troppo lontano.

“Hola, ¿quieres una empanada?”
E poi finire, sudati,
nello stesso letto
ad amarci per caso

Nella prossima vita, forse,
o in un altro film
sicuramente non il mio

G.121