Quell’immensa vallata

Decisa ad aprire il mio cuore, capire

il mio volere

aprii gli occhi:

un’ombra avvolse il mio corpo.

La vidi. La sentii.

Mi avvolse con un tepore vellutato.

Come arrivò, sparì

portando con sé l’oscurità.

Mi lasciò la pelle umida, per l’incubo.

Così davanti a me non ci furono più scudi o muri.

Una grande vallata d’un  verde luminoso,

estesa davanti a me,

rispecchiava la limpidità del cielo.

Mi ha sempre fatto paura,

ma ora so che l’amerei

quella quiete

pura

che dopo i contrasti,

riflette l’animo.

Le ombre svaniscono, svaniranno

nel tempo, oltre.

Basta un soffio ed io ho fiato

 

( e non solo per me. )